Cos’è il ketoconazolo e quando usarlo

Cos’è il ketoconazolo e quando usarlo

Gli esperti di OK Salute e Benessere | Dermatologia clinica e allergologica
 
Ti è stato consigliato il ketoconazolo per il tuo problema di forfora? Scopri tutto quello che c’è da sapere su questo antimicotico!

Hai mai sentito parlare di ketoconazolo? Si tratta di un farmaco presente in formulazioni per la somministrazione orale, compresse, ma anche per quella topica, cioè lozioni, shampoo, creme o altre forme farmaceutiche destinate all’applicazione diretta sulla parte malata.

In medicina è indicato come antimicotico, ovvero per la sua azione antifungina. Ecco perché è uno degli ingredienti presenti nell’INCI di shampoo destinati a chi soffre di forfora e dermatite seborroica.

È usato sia per il trattamento delle persone adulte sia negli adolescenti che presentano sintomi legati alle micosi della cute. È conosciuto anche con il nome di chetoconazolo, un principio attivo che potrebbe avere anche un effetto positivo nel caso di caduta dei capelli.

Continua a leggere per scoprire cos’è, a cosa serve e quando è indicato usarlo.

Ketoconazolo o chetoconazolo nell’INCI del tuo shampoo? È un farmaco indicato in caso di forfora.

Il ketoconazolo, un alleato contro le micosi

Il ketoconazolo appartiene a un gruppo di farmaci detti antifungini azolici ed è una sostanza nota per la sua attività antifungina.

È efficace contro alcuni funghi che colpiscono sia gli organi che la cute, e quindi anche il cuoio capelluto.

A livello di dermatomicosi, cioè di micosi della pelle, si utilizzano trattamenti che contengono ketoconazolo e altri principi attivi in formulazioni studiate per l’uso topico.

Non solo, oltre a combattere i funghi, questa sostanza, usata esternamente, riduce l’infiammazione, la caduta dei capelli e ne favorisce la ricrescita.

La desquamazione dovuta a un ricambio cellulare eccessivamente veloce provoca un fastidioso prurito, tipico in chi soffre di forfora o di dermatite seborroica.

Il ketoconazolo riduce anche questo fastidioso sintomo e dà sollievo a chi sente il bisogno continuo di grattarsi a causa della forfora.

La sua efficacia è stata riscontrata anche nella gestione della dermatite seborroica, un’infiammazione cronica della cute, a volte anche molto intensa, che comporta una forte desquamazione arrivando a causare anche eritemi e follicoliti, oltre che forfora.

Ketoconazolo per dire stop alla forfora

Il trattamento topico con ketoconazolo aiuta a ridurre la popolazione di Malassezia furfur, un lievito naturalmente presente sulle nostre teste, che colonizza zone ricche di peli, come, appunto, il cuoio capelluto.

Proprio questo fungo è uno dei responsabili del fastidioso problema della forfora. Infatti, quando aumentano i lipidi disponibili, cioè il sebo, la Malassezia trova il nutrimento necessario a proliferare.

L’eccesso di sebo, infatti, è considerato oggi una delle cause della forfora.

Quando irritazione e prurito non ti danno tregua, il medico o il farmacista possono consigliarti uno shampoo medicato.

La formulazione a base di antimicotici, come il ketoconazolo, è specifica per impedire la proliferazione della Malassezia e per ridurre l’infiammazione provocata dal fungo.

Il ketoconazolo è un antimicotico o antifungino utile per contrastare la forfora da Malassezia.

Il Ketoconazolo riduce anche la caduta dei capelli

Da quando è stata dimostrata la sua efficacia nel trattamento della forfora, il ketoconazolo è stato oggetto di ulteriori studi, che hanno portato alla luce ulteriori effetti benefici.

Uno di questi studi avrebbe dimostrato la sua attività anche nel ridurre la perdita dei capelli, molto spesso collegata alla condizione di infiammazione del cuoio capelluto.

Migliorando questa condizione, anche la crescita dei capelli ritrova vigore.

Come usare lo shampoo al ketoconazolo

Come usare lo shampoo al ketoconazolo

Se anche tu soffri di irritazione, prurito e desquamazione della cute tra i capelli, puoi trovare sollievo utilizzando uno shampoo al ketoconazolo.

I prodotti detergenti che contengono questa sostanza antimicotica, che limita la capacità riproduttiva dei funghi, presentano anche ingredienti adatti alla detersione dei capelli.

Quindi puoi usare lo shampoo al ketoconazolo in sostituzione del tuo normale shampoo e, nello specifico, puoi lavarti i capelli massimo 2 o 3 volte a settimana.

Friziona lo shampoo sulla cute, massaggialo con cura e lascialo agire qualche minuto.

Dopo 5 minuti circa, procedi al risciacquo normalmente. Utilizza questo trattamento ancora per qualche settimana dopo la scomparsa dei sintomi.

Di solito è sufficiente eseguire il trattamento per alcune settimane per riscontrarne i benefici.

Lo shampoo al ketoconazolo, infatti, allevia il prurito e la desquamazione che spesso accompagnano la forfora e la dermatite seborroica.

Il ketoconazolo è un farmaco: chiedi consiglio al tuo medico per utilizzarlo in caso di forfora.

Shampoo a base di ketoconazolo? Chiedi il parere del medico

La maggior parte degli shampoo e delle schiume a base di ketoconazolo è disponibile per la vendita al banco senza prescrizione medica.

La forfora non ha un’unica origine, anzi, spesso è il risultato di una serie di concause.

Proprio perché la Malassezia non è più ritenuta la principale responsabile di questa condizione fastidiosa e imbarazzante, è bene sentire il parere del Dermatologo prima di ricorrere a soluzioni fai da te.

Una volta identificata l’origine del problema, sarà più facile trovare anche il rimedio più indicato.

Quindi, prima di acquistare uno shampoo a base di ketoconazolo, ti suggeriamo una visita per capire se un prodotto ad azione antimicotica sia effettivamente la soluzione giusta per la tua chioma.

Alternative al ketoconazolo in caso di forfora

Bisogna considerare anche che l’uso prolungato di prodotti topici può comunque causare irritazione e sensibilizzazione.

Fortunatamente, sono disponibili anche formulazioni di shampoo meno aggressive per prevenire la forfora o da utilizzare come supporto dopo il trattamento con ketoconazolo.

La Linea RestivOil, in particolare, propone formulazioni delicate, free e Nickel tested indicate sia per prevenire la forfora grassa e secca sia per contrastarla.

Nello specifico, RestivOil Zero Forfora è l’olio shampoo indicato in presenza di forfora, anche per il cuoio capelluto più sensibile: aiuta infatti a eliminare la forfora in modo delicato.

RestivOil Complex e RestivOil Complex Capelli Secchi rappresentano invece un utile supporto dopo il trattamento specifico antimicotico con ketoconazolo, per combattere attivamente la forfora e detergere il cuoio capelluto.

Abbiamo visto che la forfora si può curare con prodotti medicati a base di ketoconazolo. Tali prodotti però vanno utilizzati in modo appropriato su consiglio del medico o del farmacista e, se necessario, con il contributo di supporti delicati come gli oli shampoo di RestivOil!

Capelli bianchi: cause e come prendersen...

Gli esperti di OK Salute e Benessere | Dermatologia clinica e allergologica

Canizie? Incanutimento? Scopri tutto quello che c’è da conoscere sui capelli bianchi e come prendersene cura, per una...

PRODOTTI CORRELATI:

RESTIVOIL ZERO FORFORA
RESTIVOIL

RESTIVOIL ZERO FORFORA

150ml

Trattamento extra delicato che risulta forte contro la forfora ma estremamente delicato sul cuoio capelluto.

RESTIVOIL COMPLEX CAPELLI DA NORMALI A GRASSI
RESTIVOIL

RESTIVOIL COMPLEX CAPELLI DA NORMALI A GRASSI

250ml

Azione specifica antiforfora, consigliato anche come coadiuvante nel trattamento degli stati seborroici per la cura della dermatite seborroica.

RESTIVOIL COMPLEX CAPELLI SECCHI
RESTIVOIL

RESTIVOIL COMPLEX CAPELLI SECCHI

250ml

RestivOil Complex è ideale per detergere il cuoio capelluto in caso di trattamenti specifici antimicotici.

ACQUISTA ORA