Prurito al cuoio capelluto: le cause e come trovare sollievo

Prurito al cuoio capelluto: le cause e come trovare sollievo

Dott.ssa Fernanda Petrone | Farmacista
 
Ti sembra di impazzire per il prurito al cuoio capelluto? Vorresti passare tutta la giornata a grattarti la testa?

Il prurito al cuoio capelluto è un problema molto frequente, soprattutto in età adulta e non è altro che la diretta conseguenza di un’infiammazione della cute. Il prurito può durare per un diverso periodo di tempo a seconda di quale sia la causa scatenante; è per questo importante capire bene l’origine del problema per evitare eventuali complicazioni come lesioni al cuoio capelluto stesso.

Non bisogna, poi, dimenticare che il cuoio capelluto merita le stesse attenzioni e la stessa cura che diamo alla pelle del viso e del corpo. È necessario scegliere sempre i prodotti più adatti per il cuoio capelluto, che devono essere delicati e mai irritanti.

Ma vediamo insieme quali sono i sintomi, le cause e i rimedi di questo fastidio.

I sintomi del prurito al cuoio capelluto

Da quali problemi può essere colpito il cuoio capelluto? Da forte prurito, accompagnato da un bruciore intenso che può interessare anche la cute.

Il prurito in testa, però, non si manifesta quasi mai da solo. Spesso, infatti, sono altri i sintomi che accompagnano questo fastidioso disturbo. Di seguito, trovi i principali:

  • Bruciore;
  • Formazione di pustole;
  • Dolore;
  • Arrossamento e infiammazione;
  • Desquamazione;
  • Caduta e diradamento dei capelli;
  • Puntini bianchi (uova di pidocchi) che aderiscono alla radice dei capelli, in particolar modo interessando la zona della testa dietro le orecchie e dietro la nuca;
  • Pelle screpolata sul cuoio capelluto.

Abbiamo elencato i sintomi che accompagnano il prurito al cuoio capelluto. Ora, è arrivato il momento di esaminare le possibili cause.

Le cause del prurito alla testa

Uomo si gratta i capelli

Le cause possono essere diverse e molto spesso, trattandosi di cause di origine patologica, è opportuno rivolgersi a un Dermatologo per capire come affrontarle nel modo più appropriato ed efficiente.

Vediamo di seguito le principali cause del prurito alla testa.

1. Psoriasi

In diversi casi, la causa scatenante del prurito al cuoio capelluto è di tipo patologico. Può trattarsi di psoriasi, una patologia infiammatoria a carico del sistema immunitario, ma anche di infezioni di varia natura.

2. Infezioni batteriche e fungine

Sia le infezioni batteriche scatenate da batteri che infettano il follicolo pilifero, scatenando una reazione infiammatoria detta follicolite, sia le infezioni fungine, provocate da funghi che colonizzano e infettano il cuoio capelluto, causando ad esempio la tigna, sono responsabili di un forte prurito.

3. Forfora

Una delle cause più comuni del prurito, inoltre, è la forfora, spesso causata dalla dermatite seborroica. Un’eccessiva produzione di sebo da parte delle ghiandole sebacee presenti al livello del cuoio capelluto, infatti, comporta la formazione di forfora e, quindi, una forte sensazione di prurito.

4. Secchezza della cute

A scatenare l’irritazione può essere anche l’eccessiva secchezza della cute, causata dal freddo, dal caldo o dall’inquinamento ambientale.

5. Allergie

Anche le allergie e le intolleranze alimentari possono essere la causa del prurito: tinture chimiche che usiamo per dare nuovi colori ad i nostri capelli, le sostanze basiche o acide usate per i trattamenti di bellezza, sono spesso causa di forti allergie, che si manifestano con prurito persistente sul nostro cuoio capelluto.

6. Pidocchi

Nel caso in cui la causa non sia di natura patologica, il prurito potrebbe essere causato da fattori esterni. Ad esempio i pidocchi, piccoli insetti che si nutrono del nostro sangue e depongono le uova sul nostro cuoio capelluto. Si tratta di parassiti estremamente contagiosi e difficili da rimuovere poiché essi stessi (ma anche le uova) aderiscono in modo molto forte alla radice dei capelli.

7. Stress

Inoltre, i ritmi frenetici della nostra vita sono spesso causa di forte stress per il nostro organismo e per i nostri capelli e una delle conseguenze che comporta, oltre al forte indebolimento del fusto dei capelli, è proprio un forte prurito al cuoio capelluto.

8. Scottature solari

Anche il sole, poi, spesso è troppo forte per la nostra pelle. E un’esposizione eccessiva, può causare scottature, irritazione e infiammazione soprattutto al cuoio capelluto, su cui in genere non viene applicata una protezione ai raggi UV, con conseguente forte prurito.

Come affrontare, dunque, il prurito al cuoio capelluto? Vediamo insieme i rimedi più efficaci!

I rimedi per il prurito al cuoio capelluto

I modi di intervenire per combattere il prurito sono svariati e dipendono dalla causa alla base del tuo problema.

Nel caso di cause di tipo patologico, è sempre opportuno rivolgersi ad un Medico Dermatologo per capire come affrontarle nel modo più appropriato ed efficace.

In generale, è sempre bene tenere presente che l’alimentazione ha un effetto protettivo nei confronti del cuoio capelluto, quindi una dieta sana contribuisce a rendere i nostri capelli più forti. Fondamentali il ferro, le vitamine e gli amminoacidi.

Nei momenti di cambio di stagione, invece, possono essere utili degli integratori alimentari a base di ferro, zinco, biotina, metionina e cistina, cioè sostanze che aiutano la naturale crescita dei capelli.

Se la causa risulta essere un’irritazione dovuta a prodotti troppo aggressivi o a eccessiva esposizione al sole allora prediligi uno shampoo delicato, non irritante e privo di sostanze aggressive come alcuni tensioattivi o agenti schiumogeni.

La linea shampoo RestivOil, formulata per prendersi cura dei capelli senza aggredirli, è un’ottima scelta in casi come questi.

Non solo: la sua detersione deve essere frequente, soprattutto nei periodi in cui l’inquinamento ambientale e le condizioni atmosferiche appesantiscono i capelli. L’igiene è fondamentale per avere una cute sana e integra.

Ragazza asciuga i capelli dopo uno shampoo antiprurito

Lavare i capelli tutti i giorni non è sbagliato, come spesso si pensa. Anzi, il cuoio capelluto produce sebo in continuazione, quindi è bene sciacquarlo quotidianamente. L’unica accortezza è quella di usare uno shampoo non aggressivo.

Per combattere il prurito in testa devi prenderti cura dei tuoi capelli

Abbiamo visto, dunque, che il nostro cuoio capelluto può essere colpito da diversi disturbi e da un fastidioso prurito, conseguenza di patologie o agenti aggressivi esterni.

Prendersene cura ogni giorno scegliendo prodotti delicati, non schiumogeni e non aggressivi, è fondamentale per mantenere la chioma in salute e per ridurre al minimo questi fastidi.

RESTIVOIL

RESTIVOIL ZERO PRURITO E IRRITAZIONE

150ml

Trattamento extra delicato studiato per detergere e rispettare il cuoio capelluto ipersensibile.

COSA FARE IN CASO DI CAPELLI FRAGILI, CH...

Dott.ssa Corinna Montana Lampo | Giornalista scientifica

Capelli che si spezzano e doppie punte sono un problema comune, in particolare per chi ha una lunga chioma.

PRODOTTI CORRELATI:

RESTIVOIL ZERO PRURITO E IRRITAZIONE
RESTIVOIL

RESTIVOIL ZERO PRURITO E IRRITAZIONE

150ml

Azione protettiva e ultra-delicata, indicato come coadiuvante nel trattamento...

RESTIVOIL COMPLEX CAPELLI DA NORMALI A GRASSI
RESTIVOIL

RESTIVOIL COMPLEX CAPELLI DA NORMALI A GRASSI

250ml

Azione protettiva e ultra-delicata, indicato come coadiuvante nel trattamento...

RESTIVOIL FISIOLOGICO SEBONORMALIZZANTE
RESTIVOIL

RESTIVOIL FISIOLOGICO SEBONORMALIZZANTE

250ml

Azione protettiva e ultra-delicata, indicato come coadiuvante nel trattamento...

ACQUISTA ORA

ACQUISTA ONLINE
DALLE SEGUENTI FARMACIE

restivoil gamma prodotti
farmacie igea